Notizie - 05 ottobre 2020

L'efficienza energetica: una leva d'azione per la transizione energetica

Scritto da Expert: Sandra Hounkonnou 5 min lettura

Info

Questa pagina, originariamente pubblicata in inglese, è offerta in italian con l'aiuto di traduttori automatici. Avete bisogno di aiuto? Contattateci

In questo articolo tecnico, Sandra Hounkonnou, coordinatrice dell'impronta ambientale del Gruppo Fives ed esperta della Fondazione Solar Impulse, spiega come l'efficienza energetica sia alla base della transizione verso un futuro pulito.

Dopo le rivoluzioni industriale e digitale, il mondo sta entrando in una rivoluzione sostenibile con molte sfide da superare, di cui la transizione energetica globale è una delle più critiche.

Che si tratti di agricoltura, industria, edifici o trasporti, la nostra economia dipende fortemente dall'energia fossile. Nel 2019, le emissioni di CO2 legate all'energia sono rimaste invariate a 33 gigatoni, mentre l'economia globale è cresciuta del 2,9% [1]. Ciò è dovuto principalmente alla forte crescita delle energie rinnovabili in tutto il mondo, alla sostituzione del carbone con il gas naturale e all'aumento della produzione nucleare in alcune aree geografiche.

Tutte queste sono ottime notizie... ma sono sufficienti?

Le energie a basse emissioni di carbonio sono necessarie, ma non ancora sufficienti

Si prevede che l'energia eolica e solare rappresenteranno una quota crescente della produzione di elettricità nei prossimi anni. Nel 2019 hanno raggiunto il 67% della nuova capacità elettrica aggiunta a livello globale [2] e in due terzi del mondo i nuovi impianti eolici o solari sono risultati più competitivi dal punto di vista dei costi rispetto alle centrali a combustibili fossili [3]. Tuttavia, la loro produzione variabile rimane uno svantaggio rispetto alle centrali termiche, anche se stanno emergendo soluzioni di accumulo ad alte prestazioni.

Le centrali geotermiche e idroelettriche possono produrre in modo continuo o su richiesta, ma sono limitate dalle condizioni geografiche. Allo stesso modo, la biomassa e il biogas potrebbero essere soluzioni sostenibili, ma il loro sviluppo è in competizione con altri usi come l'agricoltura, i trasporti e l'industria. L'energia nucleare è una fonte energetica affidabile a basse emissioni di carbonio, ma solleva molte questioni, dai rischi di gestione delle scorie radioattive alle considerazioni sulla sicurezza nucleare, per non parlare dell'impennata dei costi di costruzione delle centrali nucleari di nuova generazione. L'idrogeno ottenuto dall'elettrolisi dell'acqua con elettricità a zero emissioni di carbonio offre ottime prospettive per il trasporto, il calore ad alta temperatura o come mezzo di stoccaggio a sostegno della produzione di energia rinnovabile. Tuttavia, l'aumento dell'uso e della produzione di idrogeno deve affrontare notevoli vincoli finanziari e tecnici.

Gran parte della transizione energetica si concentra sulle energie più pulite. Tuttavia, come evidenziato in precedenza, le loro rispettive carenze rappresentano ostacoli importanti per coprire la domanda globale di energia, che si prevede aumenterà dell'1% all'anno fino al 2040 [4].

È quindi urgente moderare il fabbisogno energetico della nostra economia globale. Poiché l'industria e i servizi rappresentano quasi il 40% del consumo energetico globale [5], il mondo delle imprese ha un ruolo chiave da svolgere: l'efficienza energetica dovrebbe essere al centro delle priorità delle aziende.

L'efficienza energetica come vantaggio competitivo

Affrontare il tema dell'efficienza energetica può portare a un significativo miglioramento delle prestazioni operative delle aziende attraverso vari aspetti:

  • Riduzione delle bollette energetiche: l'implementazione di interventi di riqualificazione e miglioramento dell'efficienza energetica può generare risparmi dal 10% al 30% sulle spese energetiche delle aziende e comporta tempi di ritorno medi inferiori ai 3 anni [6].

  • Modernizzazione delle infrastrutture: l'ottimizzazione degli asset esistenti consente di evitare investimenti futuri che potrebbero non essere redditizi e aumenta la competitività.

  • Anticipare le normative emergenti: anticipare le nuove normative sull'efficienza energetica ha un valore aggiunto strategico. Limita l'esposizione al rischio di sanzioni e apre l'accesso a sussidi e programmi di finanziamento.

  • Minore vulnerabilità alla scarsità di risorse energetiche: garantire l'approvvigionamento energetico è una preoccupazione vitale per le aziende e un fallimento in questo senso può minacciare la longevità del business. L'efficienza energetica offre una leva per ridurre il livello di dipendenza della catena di approvvigionamento energetico delle aziende.

Secondo una ricerca di McKinsey [7], una forte proposta sostenibile non solo può aiutare le aziende ad accedere a nuovi mercati e ad espandersi in quelli esistenti, ma può anche attrarre dipendenti di qualità e migliorare la motivazione e la produttività dei dipendenti.

Il mercato globale dell'efficienza degli edifici è più che raddoppiato tra il 2013 e il 2018 [8] e gli investimenti nell'efficienza energetica creano un numero di posti di lavoro tre volte superiore a quello dei combustibili fossili [9]. Fornire prodotti più efficienti dal punto di vista energetico ai propri clienti può portare nuove opportunità commerciali e la creazione di posti di lavoro.

L'impegno proattivo nell'efficienza energetica e la sua integrazione nella proposta di valore aziendale possono liberare un potenziale di crescita per le organizzazioni. Le opzioni per cambiare radicalmente il nostro utilizzo dell'energia esistono già.

Abbiamo le soluzioni a portata di mano

Per ridurre il fabbisogno energetico sono necessari cambiamenti significativi nel comportamento dei consumatori, ma anche tecnologie efficienti sono fondamentali. Fortunatamente, le soluzioni sono prontamente disponibili per affrontare questa sfida dell'efficienza energetica, comprese quelle che ottengono il marchio Solar Impulse Efficient Solution Label.


Recupero delle perdite di calore nell'industria

La transizione energetica è fortemente incentrata sull'elettricità, ma il calore rappresenta in realtà il più grande uso finale dell'energia: nel 2018 ha rappresentato il 50% del consumo finale globale di energia [10]. Recuperare e ridurre al minimo le perdite di calore è quindi di estrema importanza nella corsa all'efficienza energetica, soprattutto nell'industria.

Le seguenti soluzioni innovative di Solar Impulse Efficient Solutions possono essere utilizzate per recuperare le perdite di calore:

  • EcoStock immagazzina il calore industriale di scarto in ceramica riciclata per fornire aria calda fino a 1000°C o per generare elettricità: un'unità può far risparmiare fino a 8000t di CO2 nel corso della sua vita.

  • Qpinch utilizza una reazione fisico-chimica per rilasciare il calore di scarto catturato ad una temperatura più elevata.

  • Equium e Stirling Engine consentono rispettivamente di riciclare il calore di scarto per il raffreddamento e di utilizzarlo per la produzione di elettricità in loco.


Ridurre al minimo il consumo energetico degli edifici

Oltre ai processi industriali, le perdite di calore sono ricorrenti negli edifici e possono essere ridotte con isolamenti termici altamente efficienti.

Diverse aziende hanno sviluppato soluzioni basate su materiali riciclati, riducendo così l'impatto ambientale legato alla produzione di materiali isolanti e risparmiando energia in modo significativo:

  • SICLA ricicla i rifiuti da costruzione e demolizione in prodotti superisolanti, consentendo un risparmio energetico del 40% negli edifici.

  • Gramitherm trasforma l'erba dei rifiuti in pannelli isolanti

  • CYNTHIA® utilizza una fibra ricavata dall'invasivo giacinto d'acqua


Rivoluzionare le tecnologie di illuminazione

L'illuminazione è un elemento che consuma energia in qualsiasi edificio, indipendentemente dal suo utilizzo o dalla sua ubicazione. Ecco le innovazioni che intendono rivoluzionare le attuali tecnologie di illuminazione:

  • I dispositivi tubolariSolatube portano la luce diurna negli spazi interni dove lucernari e finestre non possono arrivare, fornendo fino al 100% del fabbisogno di illuminazione.

  • I collettori industrialiSOLIS forniscono grandi quantità di luce solare a stanze non illuminate.

  • Glowee utilizza la bioluminescenza per ridurre l'impatto ambientale dell'illuminazione.

Il numero di soluzioni innovative su cui possiamo contare per l'efficienza energetica è in aumento: vincere la gara dell'efficienza energetica è tecnicamente ed economicamente possibile. L'Efficient Solution Label porta alla luce innovazioni che sono al tempo stesso sostenibili, redditizie e attuabili, e sfogliare il portafoglio Solar Impulse è un primo passo che ogni azienda può compiere sulla strada dell'efficienza energetica.



Fonti:

[1] AIE - Sfidando le aspettative di aumento, le emissioni globali di anidride carbonica si sono stabilizzate nel 2019.

[2] Bloomberg New Energy Finance - L'energia solare ed eolica raggiunge il 67% della nuova capacità elettrica aggiunta a livello globale nel 2019, mentre i combustibili fossili scendono al 25%.

[3] Bloomberg - Solare ed eolico forniscono l'energia più economica per due terzi del globo

[4] AIE - Prospettive energetiche mondiali 2019

[5] AIE - Dati e statistiche

[6] Carbon Trust - Risparmi energetici grazie agli audit

[7] McKinsey - Cinque modi in cui l'ESG crea valore

[8] Economia energetica avanzata - Rapporto di mercato 2019

[9] McKinsey - Cinque modi in cui l'ESG crea valore

[10] AIE - Rinnovabili 2019

Scritto da Expert: Sandra Hounkonnou su 05 ottobre 2020

Ti piace questo articolo? Condividetelo con i vostri amici!