Opinione - 18 dicembre 2020

I COP lenti portano a una sana frustrazione

- Foto di Con licenza CreativeCommons BY 2.0

Scritto da Bertrand Piccard 4 min lettura

Info

Questa pagina, originariamente pubblicata in inglese, è offerta in italian con l'aiuto di traduttori automatici. Avete bisogno di aiuto? Contattateci

Cosa rimane quindi della COP21? Soprattutto tanta frustrazione. Ma lungi dall'essere inutile, questa frustrazione ha contribuito a fare un passo avanti. È ciò che ha permesso di spostare le linee. Solo, non come ci si aspettava.

Alla COP21, nel bel mezzo del giro del mondo di Solar Impulse, ho partecipato a questi 10 giorni di discussioni che il mondo stava disperatamente aspettando. Ho visto come ogni dettaglio semantico, ogni virgola, è stato aspramente negoziato. Come si è giocato l'equilibrio di potere attorno a un sorprendente accordo tra Obama e Xi Jinping per diventare leader del clima. E l'esplosione di gioia finale quando i 195 capi di Stato e di governo si sono impegnati a mantenere l'aumento della temperatura atmosferica "ben al di sotto dei 2°C, se possibile 1,5".

Tutti i Paesi si sono impegnati a presentare, entro 5 anni, un elenco di impegni chiamati "Contributi determinati a livello nazionale" che esprimono il loro massimo impegno. Per garantire il sostegno dei Paesi più vulnerabili, che accusavano le nazioni ricche di essere l'unica fonte del problema, un Fondo verde per il clima di 100 miliardi di dollari all'anno avrebbe dovuto fornire loro l'assistenza necessaria per adattarsi al cambiamento climatico.

Si vede che non si trattava più di evitare il problema, come se la lotta fosse già persa, ma solo di cercare di ridurne gli effetti.

Cinque anni dopo questo immenso slancio di speranza, la constatazione è inconfutabile: il problema climatico è cresciuto in modo esponenziale, mentre i nostri sforzi sono cresciuti in modo lineare, aumentando il divario tra ciò che dovremmo fare e ciò che stiamo effettivamente facendo.

Le successive quattro conferenze sul clima, nonostante gli sforzi dei loro organizzatori, hanno mandato in frantumi il consenso internazionale, con molti Paesi in situazioni inconciliabili. Come si conciliano le turbine eoliche danesi con i pozzi petroliferi sauditi? In Europa, il carbone polacco con il fotovoltaico spagnolo?

Cosa rimane quindi della COP21? Soprattutto tanta frustrazione. Ma lungi dall'essere inutile, questa frustrazione ha contribuito a fare un passo avanti. È ciò che ha permesso di spostare le linee. Solo, non come ci si aspettava.

A Parigi, gli Stati erano in vantaggio sul mondo economico e le aziende resistevano. Oggi assistiamo esattamente al contrario. Senza che nulla si muova - a parte le emissioni di CO2 e gli scioperi dei giovani - gli attori locali e privati si stanno facendo carico del problema. Alcune regioni, come la Scozia, hanno annunciato di voler raggiungere la neutralità del carbonio 10 anni prima di tutti gli altri. Le aziende formano coalizioni verdi, nella moda, nei trasporti, nell'industria, nel digitale e nella finanza. Gli Stati americani si oppongono a Trump e decidono di seguire unilateralmente gli accordi di Parigi. Le città hanno preso le misure che potevano a livello nazionale per uscire dalla paralisi. Sì, la frustrazione ha risvegliato il mondo, 5 anni e qualche gigatone di CO2 dopo.

Questa gradita reazione del mondo capitalista deve superare i movimenti ecologici per evitare la radicalizzazione che sentiamo incombere. È molto probabile che, non tenendo conto del benessere delle persone e del loro ambiente di vita, il sistema attuale rischi seriamente di essere spazzato via da un'ondata di protesta verde e popolare. Ricordiamo lo zar Nicola II che disse: "Ho fatto tutto per la Russia" a Lenin che rispose: "Sì, ma niente per il popolo". È fondamentale parlare la stessa lingua.

Credo che ci sia un problema di percezione della questione. Il cambiamento climatico è per molti un problema lontano nel tempo e che riguarda le generazioni future, difficile da comprendere oggi, molto costoso da risolvere e per il quale dovremmo sacrificare ciò che più apprezziamo nel nostro stile di vita. Non è facile trasmettere una pillola del genere. Non sarebbe più tangibile parlare dei problemi ben visibili a breve termine: l'inquinamento atmosferico che uccide 8 milioni di persone all'anno? L'esaurimento delle risorse naturali, le tonnellate di rifiuti abbandonati in natura e i rischi finanziari che ciò rappresenta? La necessità imperativa di risolvere con l'efficienza gli immensi sprechi della nostra società attuale? Il pericolo delle disuguaglianze e del caos sociale che il mondo sta affrontando? Nonostante tutto, il merito del cambiamento climatico è stato comunque quello di riunire il pianeta a Parigi.

Un'altra cosa è cambiata negli ultimi 5 anni: la spettacolare redditività delle tecnologie pulite e delle energie rinnovabili. In metà del mondo, l'elettricità fotovoltaica è ora più economica di quella fossile o nucleare, e gli investimenti nell'efficienza delle risorse possono ripagarsi da soli grazie ai risparmi. Esistono centinaia di soluzioni in tutti i settori dell'industria, dell'energia, della mobilità, dell'agricoltura e dell'edilizia che proteggono l'ambiente e generano ricchezza e posti di lavoro. Per farlo, i decisori politici devono prenderne coscienza e adottare standard ambientali molto più ambiziosi per portare queste nuove tecnologie sul mercato.

Il problema è proprio questo: il nostro quadro normativo si basa su tecnologie vecchie e inefficienti, che permettono a chi inquina di sostenere che ciò che fa è legale. Ci sono regolamenti nei settori della salute, dell'istruzione e della giustizia... Ma ognuno può ancora immettere nell'atmosfera tutta la CO2 che vuole, catturare tutti i pesci che vuole ed esaurire i cicli di riproduzione, o bruciare petrolio a volontà. L'imprevedibilità della legislazione e il rischio di distorsione della concorrenza impediscono all'industria di investire spontaneamente in una produzione più pulita. Questa situazione è insensata sia dal punto di vista ambientale che economico.

Per andare avanti, è ora necessario allineare la pressione popolare che spaventa, le soluzioni che rassicurano e un quadro giuridico ambizioso. Che la frustrazione del fallimento ci spinga a farlo.


Pubblicato per la prima volta suLes Echos
Ti piace questo articolo? Condividetelo con i vostri amici!