Membro - Clean Cooking Alliance

Info

Questa pagina, originariamente pubblicata in inglese, è offerta in italian con l'aiuto di traduttori automatici. Avete bisogno di aiuto? Contattateci

La Clean Cooking Alliance lavora con una rete globale di partner per costruire un'industria inclusiva che renda accessibile la cucina pulita ai tre miliardi di persone che ogni giorno ne sono prive.

Tipo Azienda
Fondato 2018
Dimensioni dell'azienda 71
Tipo membro
innovatore
Fondatori Clean Cook
Sede operativa Tumbura, Kenya
Social network
Clean Cooking Alliance

Su di noi

Il problema Cucinare su fuochi all'aperto o su stufe inefficienti comporta tipicamente la combustione di combustibili come legno, carbone, carbone e cherosene, che rilasciano emissioni nocive e che riscaldano il clima. Inquinanti climatici a vita breve, come il black carbon e il metano (CH4), oltre ad altri gas a effetto serra, come il monossido di carbonio (CO) e l'anidride carbonica (CO2), sono emessi a causa della combustione incompleta del cherosene e dei combustibili solidi che si verifica durante la cottura su fuochi aperti o con stufe inefficienti. Il carbonio nero, comunemente noto come fuliggine, si riferisce a minuscole particelle di carbonio che si formano durante la combustione incompleta di combustibili a base di carbonio (come legno, carbone, carbone e cherosene) ed è di gran lunga l'inquinante climatico a vita breve più significativo emesso durante la cottura. Il black carbon è un inquinante che riscalda il clima e si stima che sia secondo solo alla CO2 nel suo impatto sul clima1. Le particelle di carbone nero assorbono la luce solare, riscaldando l'atmosfera. Il black carbon rimane nell'atmosfera solo per un breve periodo di tempo, poi ricade sulla terra con le precipitazioni, scurendo la superficie di neve e ghiaccio e riducendo il potere riflettente di una superficie, causando lo scioglimento dei ghiacci marini e dei ghiacciai. A livello globale, fino al 25% delle emissioni di black carbon proviene dalla cucina, dal riscaldamento e dall'illuminazione domestica. In molti Paesi asiatici e africani, la cucina domestica può rappresentare fino al 60-80% delle emissioni di black carbon2. Con quasi 2,4 miliardi di persone che si affidano alla legna da ardere e al carbone (combustibile legnoso) per cucinare, il combustibile legnoso è di gran lunga il combustibile solido più utilizzato3. Le emissioni di CO2 derivanti dalla cottura di cibi a base di legna e carbone di legna sono causate dalla raccolta insostenibile di legna (quando il legno viene tagliato a un ritmo superiore alla ricrescita) che porta al degrado delle foreste, riducendo la capacità di alberi e arbusti di assorbire il carbonio emesso dall'aria (sequestro del carbonio). Circa il 30% del combustibile legnoso raccolto a livello globale non è sostenibile, con emissioni dannose per il clima pari al 2% delle emissioni globali4. Il degrado forestale causa anche perdite nel controllo dell'erosione, nella biodiversità e nella protezione dalle inondazioni. Soluzioni per una cucina pulita Molti dei fornelli più moderni sono altamente efficienti e possono ridurre l'uso di combustibile del 30-60%, con conseguente riduzione delle emissioni di gas serra e di black carbon5. Recenti prove dimostrano anche che i fornelli e i combustibili più avanzati (efficienti e a basse emissioni) possono ridurre le emissioni di black carbon del 50-90%6. I boschi ben gestiti producono combustibile legnoso sostenibile, riducendo le emissioni di CO2. Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (2018) riconosce che la riduzione del black carbon, del metano e di altri inquinanti climatici a vita breve non solo avrebbe sostanziali co-benefici sulla salute e sull'inquinamento atmosferico, ma può contribuire in modo significativo, nel breve termine, a limitare il riscaldamento globale a 2oC, un obiettivo internazionale a lungo termine per evitare gli impatti più pericolosi del cambiamento climatico. La mitigazione dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale richiede un'industria inclusiva che renda accessibile la cucina pulita ai tre miliardi di persone che ne sono prive.
Leggi di più
Sede operativa Tumbura, Kenya

SDG di applicazione

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile sono una chiamata all'azione per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e garantire pace e prosperità ovunque.
SDG 6
Acqua pulita e servizi igienici
SDG 6 icon
SDG 7
Energia pulita e conveniente
SDG 7 icon
SDG 9
Industria, innovazione e infrastrutture
SDG 9 icon
SDG 11
Città e comunità sostenibili
SDG 11 icon
SDG 12
Consumo e produzione responsabili
SDG 12 icon

Le informazioni sopra riportate hanno esclusivamente scopo informativo e la Solar Impulse Foundation non fornisce alcuna garanzia sulla loro autenticità, completezza o accuratezza. Per convalidare l'adesione all'Alleanza Mondiale per le Soluzioni Efficienti, la Fondazione Solar Impulse verifica solo che ogni entità sia registrata e abbia sottoscritto i nostri principi e valori enunciati nella seguente Carta dell'Alleanza Mondiale per le Soluzioni Efficienti. Per i membri che sono anche fornitori di soluzioni, queste informazioni non costituiscono una consulenza sugli investimenti o una raccomandazione ad acquistare, effettuare transazioni o stipulare accordi con le parti o le persone sopra menzionate. I potenziali investitori o le parti interessate sono gli unici responsabili delle loro decisioni di investimento o commerciali e dell'esecuzione di qualsiasi due diligence richiesta dalle circostanze.