Interviste - 05 settembre 2022

L'esperto del mese di settembre: Giorgio Recine!

Scritto da Sofia Iorio 3 min lettura

Info

Questa pagina, originariamente pubblicata in inglese, è offerta in italian con l'aiuto di traduttori automatici. Avete bisogno di aiuto? Contattateci

Gli esperti sono il motore del marchio Solar Impulse Foundation per le soluzioni efficienti. Ogni mese condividiamo la storia dei membri della nostra Community che hanno colpito per la loro dedizione e la qualità delle loro valutazioni.

L'Esperto del mese di settembre: Giorgio Recine!

Giorgio è un ingegnere chimico italiano ed Esperto indipendente che lavora come volontario per la Fondazione da febbraio 2019 e ha valutato 40 Soluzioni. Nel suo percorso professionale ha ricoperto diversi ruoli tra cui Project Technical Advisor per la Commissione Europea e Business Developer per l'EIT RawMaterials.

Ci parla un po' di lei?

Vivo con mia moglie e i miei due figli in una zona verde e collinare alle porte di Roma, in Italia. Sono ingegnere chimico e appassionato di sostenibilità e innovazione.

Ci parli del suo settore di competenza e della sua professione.

Negli ultimi 20 anni mi sono sempre occupato di innovazione, prima lavorando nella ricerca e sviluppo sull'efficienza energetica, poi come consulente per startup supportando studi di fattibilità tecnico-economica, analisi di mercato e business planning, scrittura di proposte e raccolta fondi.

Lei lavora per Lira.ltd come Managing Partner. Può dirci qualcosa sul suo lavoro con Lira.ltd e sul suo rapporto con la sostenibilità?

A Lira sosteniamo le startup high-tech per accelerare la loro innovazione, attraverso sovvenzioni pubbliche o investimenti privati. Per noi questo significa analizzare ogni settimana nuove innovazioni, tra cui molte soluzioni sostenibili nel campo dell'energia e delle tecnologie pulite.

Quali sono alcuni dei progetti o dei temi più interessanti su cui ha lavorato, attualmente o in passato?

L'ultimo caso che ho personalmente sostenuto per raccogliere 6,5 milioni di euro dall'EIC Accelerator è la startup tedesca Magnotherm. Sta sviluppando il primo frigorifero commerciale basato sul raffreddamento magnetico, che consumerà molta meno energia di quelli tradizionali e non utilizzerà gas refrigeranti dannosi per l'ambiente.

Nella sua esperienza di consulente, come percepisce l'approccio delle aziende alla sostenibilità?

Negli ultimi 20 anni, l'approccio alla sostenibilità sia dell'ecosistema dell'innovazione sia delle aziende è completamente cambiato. Ora c'è una forte attenzione alla riduzione dell'impronta di carbonio e alla ricerca di nuove soluzioni per risolvere i problemi climatici ed energetici. Tanto per fare un esempio, una delle maggiori sfide che le startup devono affrontare oggi è la ricerca di nuove soluzioni per migliorare la sostenibilità.

Lei è entrato a far parte della Comunità di esperti nel febbraio 2019 e ha completato 40 valutazioni! Quali tipi di soluzioni ha valutato e quali si sono distinte come le più impattanti?

Ho valutato soluzioni che riguardano l'efficienza energetica, la generazione e il riciclaggio. Molte di esse sono molto interessanti e di grande impatto. Per citarne una nel settore del riciclaggio, l'azienda canadese Geomega sta sviluppando un processo innovativo e pulito per estrarre gli elementi delle terre rare dai magneti permanenti. Questo può avere un impatto molto rilevante sulla garanzia delle materie prime necessarie per le trasformazioni verdi e digitali della nostra società.

Quali sono le sue speranze per le Soluzioni etichettate e per la Fondazione Solar Impulse in generale?

Spero che la maggior parte delle soluzioni etichettate trovi un modo per scalare sul mercato, anche grazie ai contatti con clienti e investitori forniti dalla Solar Impulse Foundation, e abbia un grande impatto nella vita reale per un mondo più sostenibile.

C'è qualcos'altro che vorrebbe condividere?

Invito tutti a sostenere i politici che mettono il cambiamento climatico e le sue conseguenze negative in cima alla loro agenda. Ora esistono soluzioni redditizie per affrontare il problema e si tratta solo di fare leva sugli investimenti per adottarle. La pandemia ha dimostrato che l'innovazione può combattere un problema globale con risposte rapide se ne facciamo una priorità globale. Il momento di agire è adesso.

Siete interessati a diventare esperti della Fondazione Solar Impulse? Scoprite di più qui.

Ti piace questo articolo? Condividetelo con i vostri amici!