Articolo tecnico - 23 maggio 2022

Ci stiamo dimenticando di proteggere la biodiversità?

Scritto da Expert: Claudia Hitaj 4 min lettura

Info

Questa pagina, originariamente pubblicata in inglese, è offerta in italian con l'aiuto di traduttori automatici. Avete bisogno di aiuto? Contattateci

Claudia Hitaj è un'esperta indipendente della Fondazione Solar Impulse in economia ambientale con particolare attenzione ai settori dell'energia e dell'agricoltura. In occasione del Giornata internazionale per la diversità biologica (22 maggio), Claudia parla dell'importanza di preservare e valorizzare la biodiversità, anche attraverso l'uso di un'agricoltura sostenibile.

Il Vertice della Terra di Rio de Janeiro del 1992 ha portato alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e alla Convenzione sulla diversità biologica (CBD). Sebbene gran parte dell'attenzione pubblica e dei media si sia concentrata sul cambiamento climatico, gli obiettivi delle due convenzioni sono collegati: Dobbiamo combattere il cambiamento climatico per proteggere la biodiversità, e la biodiversità e gli ecosistemi sani a loro volta supportano l'adattamento e la mitigazione del cambiamento climatico.

La tutela della biodiversità e la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici vanno di pari passo

È importante applicare criteri e salvaguardie per la biodiversità agli interventi sui cambiamenti climatici, poiché la perdita di biodiversità e il degrado degli ecosistemi indeboliscono la fornitura di servizi ecosistemici essenziali per la mitigazione e l'adattamento [1].

Gli ecosistemi forestali e delle zone umide immagazzinano carbonio e forniscono l'habitat per una vasta gamma di piante e animali. Ad esempio, Verra certifica progetti di compensazione del carbonio, alcuni dei quali creano benefici netti positivi per le comunità locali e la biodiversità, oltre alla rimozione del carbonio, secondo gli standard Climate, Community, and Biodiversity (CCB) [2]. Le torbiere, in particolare, immagazzinano più carbonio di tutti gli altri tipi di vegetazione del mondo messi insieme e sostengono anche una gamma ricca e unica di habitat e specie [3, 4]. D'altra parte, proteggere la diversità genetica delle piante significa che in futuro potremmo sviluppare colture o alberi resistenti alla siccità, in grado di favorire l'adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici. Questo vale anche per le antiche varietà di colture. L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura riconosce la necessità di sostenere la biodiversità delle sementi come "assicurazione sulla vita della nostra produzione alimentare" di fronte ai cambiamenti climatici [5].

Inoltre, gli ecosistemi sani forniscono servizi ecosistemici, come la regolazione delle acque alluvionali, che svolgono un ruolo importante nell'adattamento. Le soluzioni basate sulla natura stanno tornando in auge, soprattutto nell'ambiente urbano. I tetti verdi raffreddano gli edifici in estate, rallentano le acque meteoriche, immagazzinano almeno una minima quantità di carbonio e forniscono habitat e risorse floreali per gli impollinatori. Altre infrastrutture verdi per le acque meteoriche nelle città includono bioswales e parcheggi verdi. Filtrare le acque meteoriche e ridurne il deflusso rende le città resistenti alle inondazioni più frequenti previste dai cambiamenti climatici.

Agricoltura sostenibile

Oltre ai cambiamenti nell'uso del suolo, il settore agricolo ha un impatto diretto sugli ecosistemi circostanti. I pesticidi, in particolare, hanno effetti dannosi sugli organismi non bersaglio e quindi sulla biodiversità. Nel caso del trattamento delle sementi, gli agricoltori dell'agricoltura convenzionale non sono pienamente consapevoli dei pesticidi spalmati sulle loro sementi [6], il che significa che i pesticidi sono potenzialmente applicati in eccesso con impatti negativi sulla biodiversità.

L'agricoltura sostenibile si riferisce a pratiche produttive che riducono l'impatto ambientale della produzione agricola e zootecnica. Queste includono la riduzione della lavorazione del terreno, dell'uso di fertilizzanti e di pesticidi, nonché l'installazione di fasce tampone e siepi per fornire habitat a insetti e piccoli mammiferi.

Nell'agricoltura biologica, l'applicazione di pesticidi e fertilizzanti sintetici è vietata, così come l'uso di sementi geneticamente modificate. Gli agricoltori gestiscono i parassiti con la lotta biologica, sostenendo così la biodiversità. L'agricoltura biologica non proibisce la lavorazione del terreno e in alcuni casi la mancanza di erbicidi fa sì che gli agricoltori utilizzino la lavorazione del terreno, una forma di controllo meccanico delle erbe infestanti, per gestirle. Quando un agricoltore dissoda un campo, il carbonio immagazzinato nelle radici e nel suolo viene rilasciato nell'atmosfera, contribuendo al cambiamento climatico.

L'agricoltura rigenerativa non è standardizzata come l'agricoltura biologica e non esiste una definizione legale o normativa del termine [7]. Si concentra principalmente sulla salute del suolo e sull'inversione del cambiamento climatico, ricostruendo la materia organica del suolo e migliorando il ciclo dell'acqua [8]. Quindi, mentre l'agricoltura biologica si concentra principalmente sulla biodiversità, i benefici per il cambiamento climatico non sono chiari e dipendono dalla coltura, dal luogo e dall'operazione, con alcuni studi che mostrano una riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'agricoltura convenzionale [9] e altri che non rilevano alcuna differenza o un aumento [10]. L'agricoltura rigenerativa, invece, si concentra principalmente sulla salute del suolo e sul sequestro del carbonio, praticando l'agricoltura no-till. Infine, l'agricoltura agroecologica è un termine che comprende sia l'agricoltura biologica che quella rigenerativa, anche se non esiste una definizione legale o normativa.

Circa il 12% delle Solar Impulse Efficient Solutions si rivolge al settore agroalimentare e un terzo di queste supporta la protezione della biodiversità, ad esempio con sensori che rilevano i livelli di azoto o la presenza di parassiti per ottimizzare l'uso di fertilizzanti e pesticidi ed evitare un uso eccessivo che ha effetti negativi sulla biodiversità. Le colture impollinate, in particolare, beneficiano di un paesaggio diversificato, poiché gli impollinatori locali e le api mellifere forniscono servizi di impollinazione che aumentano la resa.

La finanza sostenibile punta sulla biodiversità

La tutela e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi è uno dei sei obiettivi ambientali della tassonomia della finanza sostenibile dell'Unione Europea, accanto alla mitigazione dei cambiamenti climatici, all'adattamento, all'uso sostenibile e alla protezione delle risorse idriche e marine e alla transizione verso un'economia circolare [11]. Ciò dovrebbe favorire nuovi investimenti che cercano di dare un "contributo sostanziale" alla protezione e al ripristino della biodiversità e degli ecosistemi, o almeno di "non arrecare danni significativi" all'obiettivo della biodiversità. Finora, la maggior parte degli investimenti sostenibili ha puntato alla mitigazione dei cambiamenti climatici senza fare riferimento alla biodiversità, una dimenticanza che potrebbe rendere più difficile l'adattamento e la mitigazione futuri.

Riferimenti

[1] https://www.unep-wcmc.org/en/news/addressing-climate-change--why-biodiversity-matters
[2]https://verra.org/project/ccb-program/
[3]https://www.iucn.org/resources/issues-briefs/peatlands-and-climate-change
[4]https://peatlands.org/peatlands/peatlands-and-biodiversity/
[5]https://www.fao.org/fao-stories/article/en/c/1401395/
[6]https://doi.org/10.1093/biosci/biaa019
[7]https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fsufs.2020.577723/full
[8]https://regenerationinternational.org/
[9] https://doi.org/10.1016/j.jclepro.2018.04.160
[10]https://iopscience.iop.org/article/10.1088/1748-9326/aa6cd5/meta
[11] https://ec.europa.eu/info/business-economy-euro/banking-and-finance/sustainable-finance/eu-taxonomy-sustainable-activities_en
Ti piace questo articolo? Condividetelo con i vostri amici!